STARTER PACK per Ethereum: METAMASK e i Second Layer - POLYGON e BINANCE SMART CHAIN [TUTORIAL/ESPERIENZA PERSONALE]

in Olio di Balena4 months ago


This is the ITALIAN TRANSLATION of the ORIGINAL POST in ENGLISH

Tutti i Diritti Riservati.

Tutti i contenuti e le immagini che trovi qui hanno scopo esclusivamente informativo. Prima di essere attuate, tutte le azioni descritte di seguito devono essere precedute da un minimo di conoscenza degli argomenti trattati. Ogni perdita risultante dalle azioni descritte di seguito saranno a carico esclusivo della persona che le ha attuate.

Inoltre, ogni riferimento fatto è valido soltanto al momento attuale: i metodi e le risorse potrebbero subire variazioni nel corso del tempo. Consultare sempre i siti ufficiali dei progetti per rimanere aggiornati sulle eventuali modifiche.


cover.jpg


Ciao Hive e Olio di Balena!

Oggi torno a pubblicare per la community Universo Binario. Questa community è una mia creazione di alcune settimane fa e potete trovare più info sull'account proprietario o direttamente sul post di presentazione. In poche parole, è un posto dove poter pubblicare post riguardanti il mondo digitale, che siano descrizioni di servizi/prodotti digitali o tutorial.

Come alcuni sapranno, sono l'organizzatore di un piccolo contest fotografico conosciuto come Photochain (challenge). Nei mesi passati ho deciso di creare un account specifico che potesse fungere da fondo di riferimento per iniziare a ricevere donazioni con cui allargare gli orizzonti di questo ancora limitato contest. Tra gli indirizzi supportati troviamo una vasta lista di token ERC20.

universobinario_bannersmall.jpg

Problemi

Sì, perché i token ERC20 – token generati e supportati dalla blockchain di Ethereum – hanno bisogno di un'onerosa spesa in token ETH (meglio conosciuta come GAS) per essere inviati. Nel caso di cifre fino ai 50 USD, in molti periodi le spese sono state maggiori del valore della somma da inviare. Come risolvere il problema?

Alcuni protagonisti del panorama crypto hanno e stanno tentando di risolvere il problema fornendo delle chain secondarie collegate alla rete principale, quella che trovate definita come Ethereum Main Net. Prendendo da qui spunto, ho deciso di allargare le reti supportate inglobando anche 2 reti secondarie attualmente più rodate: Polygon Matic e Binance Smart Chain.

Ma cominciamo dall'inizio, andando a fare uno zoom sul primo step necessario per entrare nel mondo Ethereum: la creazione di un portafoglio.

universobinario_bannersmall.jpg

Creiamo un Portafoglio: METAMASK

METAMASK

MAGGIORI INFO CLICCANDO QUI
Progetto interfaccia Blockchain - Estensione Browser

Ci sono molti wallet supportati, molti sviluppatori impegnati e certamente validi. La mia esperienza ricade su uno dei primi antesignani, il wallet Metamask.

Metamask è un'interfaccia presente ormai da anni come un'estensione da installare sul proprio browser. Dopo aver creato un account, è possibile usarlo per interagire con la rete Ethereum, sia per le transazioni semplici che coinvolgono i token supportati, sia per convalidare azioni che necessitano di una firma autenticata.

Per ottenere questo utile strumento è necessario collegarsi al sito ufficiale Metamask.io. Al suo interno troverete varie sezioni in cui poter avere risposte alle vostre domande.

01.jpg

Dovete cercare il pulsante con scritto "Download Now" e cliccarvi sopra.

Si aprirà una pagina con più tipi di risorse da poter scaricare. Vedrete infatti la scritta Firefox, Chrome, Ios, Android, ecc. Potete scegliere la voce che più si addice alle vostre esigenze: Android per dispositivi Android, Ios per dispositivi Apple (come Iphone), Firefox o Chrome a seconda del browser che usate di solito dal vostro desktop.
Nel mio caso, stavo usando Firefox a scopo esemplificativo: dovrete cliccare sul pulsante “Install Metamask for Firefox” o “for Chrome” o for “android”, ecc.

02.jpg

A questo punto si aprirà una finestra da cui potrete scaricare l'estensione e installarla sul vostro browser. Nel mio caso, il pulsante recitava “Add to (per questa volta) Firefox”.

03.jpg

In alcuni casi potrebbe comparire una finestra di notifica in alto a sinistra in cui vi sarà chiesto se installare o annullare. Installando, accettate le voci che vedrete comparire all'interno dell'area centrale della finestra di notifica.

04.jpg

Potrebbe volerci un po' di tempo oppure procedere molto velocemente a seconda di alcune variabili (connessione o pc utilizzato). Verrete quindi avvisati che l'estensione è stata aggiunta grazie a una notifica che comparirà in alto a destra. Basterà cliccare su “Ok” e "Start"

05.jpg

E adesso la parte di creazione del wallet: si aprirà una nuova pagina web con 2 opzioni al centro; se selezionerete l'una, potrete recuperare un account già creato in precedenza, cosa che adesso non ci interessa; se selezionerete l'altra, sarete reindirizzati al processo di creazione di un nuovo portafoglio. Dobbiamo cliccare esattamente su quest'ultima, avviando il processo di creazione da zero.

06.jpg

Potrebbe aprirsi una schermata in cui verrete messi a conoscenza di alcuni termini di servizio. Leggete con attenzione e cliccate su “Acconsento” se li accettate.

07.jpg

Ora dovete passare alla fase delicata: dovete scegliere una nuova password.

08.jpg

ATTENZIONE!

Non condividete o inviate mai questa password a soggetti terzi. Usatela soltanto per accedere al vostro account metamask quando ne avete bisogno. Possibilmente, custoditene sempre una o più copie in modo da non dimenticarvela. Se la dimenticherete, potrete comunque recuperare l'account...ma sempre meglio evitare.

ATTENZIONE: FONDAMENTALE!!!

A questo punto il sistema vi mostrerà la vostra seed phrase o vi permetterà di scaricarla. In certi casi, dovrete anche reinserirla per confermare il processo. In ogni caso, NON DOVRETE MAI CONDIVIDERE o INVIARE a terzi questa serie di parole. Chiunque con questa serie di parole potrà accedere al vostro account, svuotandolo o facendo operazioni al posto vostro. Se ciò dovesse accadere, il vostro account sarà compromesso irrimediabilmente.

10.jpg

E ci siamo: si aprirà una pagina web da cui potrete controllare il vostro account Metamask. In alto, centrato in orizzontale, ci sarà il nome del vostro account con tanto di indirizzo associato.
NOTATE BENE: in alto a destra troverete la scritta “Rete Ethereum Principale”. Cliccandovi sopra potrete accedere a una lista di reti supportate da Ethereum. Sarà da questo minuscolo menù che imposteremo le nostre reti secondarie - i cosidetti SECOND LAYER (Secondi Livelli) - della rete Ethereum.

universobinario_bannersmall.jpg

E ora Rete Principale MATIC!

POLYGON MATIC

MAGGIORI INFO CLICCANDO QUI
Progetto Blockchain - Servizi Blockchain

Il primo second layer di cui parleremo è quello della rete utilizzante il token MATIC. Il progetto, dal nome iniziale MATIC poi evolutosi in POLYGON, ha lanciato una serie di strumenti utili per la scalabilità sulla rete Ethereum e probabilmente non solo.
Così come sulla mainnet Ethereum possiamo scambiare token spendendo una piccola commissione in ETH, così possiamo fare sulla rete Matic, spendendo il token MATIC. Ciò si traduce in una molto inferiore spesa, con lo svantaggio di essere una tecnologia meno rodata e appoggiata di quella Ethereum principale.

Per ogni possibile curiosità, potete consultare il sito ufficiale del progetto, ad oggi https://polygon.technology/

Spulciando al suo interno, troverete dei link diretti a pagine per sviluppatori o per impostare l'accesso al second layer. Nella foto sotto potete leggere in alto il nome del sito per esteso: al suo interno troverete la risorsa che vi spiegherà come settare la nuova rete su Metamask. Per esteso, al momento l'indirizzo è:
https://docs.matic.network/docs/develop/metamask/config-matic

11.jpg

Ma come faccio, mi chiederete. Se non avete mai seguito questo processo, tranquilli: potete accedere a Metamask cliccando sull'iconcina a forma di volpe in alto a destra nella pagina del vostro browser, oppure all'iconcina a forma di puzzle sempre in alto a destra nella pagina del vostro browser e da lì su “estensioni”, nella cui lista troverete “Metamask” e la sua icona identificativa.

12.jpg

Potrete accedere inserendo la vostra password. Si aprirà quindi una finestra come quella che vedete in figura sotto. I 2 cerchi rossi cercano di evidenziare l'icona e la zona deputata alla rete utilizzata.

Cliccando su “rete principale Ethereum” si aprirà una lista di reti che dovete scorrere. Metamask aggiunge saltuariamente qualche nuova rete, per cui potrebbero essere già presenti quelle che volete inserire. Nel caso, basterà cliccarvi sopra per lasciare la rete principale e passare a quella desiderata. Se invece la rete che vogliamo raggiungere non è presente, dovremmo inserirla manualmente.
Sul fondo della lista, troverete scritto “RPC Personalizzata”. Cliccateci sopra.

13.jpg

Si aprirà una serie di spazi vuoti in cui dovrete riportare le specifiche che la risorsa presente al link sopracitato vi ha mostrato. Ribadisco che queste specifiche potrebbero essere soggette a cambiamenti, per cui vi consiglio di leggere attentamente di tanto in tanto il documento ufficiale rilasciato dal progetto.

In figura potete vedere i diversi campi compilati come richiesto, ognuno contrassegnato con un cerchio rosso. Al termine, cliccate su “salva”.

14.jpg

A questo punto, il vostro Metamask supporterà la rete Matic.

ATTENZIONE!
Ogni volta che aprirete Metamask dovrete fare molta attenzione alla rete in cui state operando. Quando vorrete cambiarla, dovrete cliccare nello spazio dedicato alle reti (cerchiato in figura) e scegliere quella che vorrete utilizzare. Tutte le transazioni che eseguirete saranno eseguite sulla rete selezionata.

universobinario_bannersmall.jpg

BINANCE SMART CHAIN

MAGGIORI INFO CLICCANDO QUI
Progetto Blockchain - Servizi Blockchain

Il second layer aggiuntivo è quello Binance Smart Chain, anch'esso utilizzabile attraverso Metamask. Gli step da ripercorrere sono i soliti, variando soltanto i parametri specifici per l'aggiunta della rete.

In questo caso, dopo aver cliccato su “RPC” personalizzata, dovrete completare con le specifiche fornite sul portale ufficiale Binance. Al momento attuale, i dati sono riportati nella figura sotto. Controllate comunque per una maggior sicurezza.

15.jpg

universobinario_bannersmall.jpg

Ed è finita??

Ci piacerebbe...ma no. Seguiamo il ragionamento: aprite metamask sulla main net Ethereum trovando qualche token, poi andate a cambiare la rete con un'altra qualunque: vi accorgerete che il vostro saldo sarà diverso. Perché?

Ogni nodo di ogni rete differente si comporta in effetti come un nodo indipendente, nonostante abbia uno stesso indirizzo. Infatti, cambiando la rete il vostro indirizzo di portafoglio non cambia: cambia solo la rete utilizzata.

Questo significa però che per inviare una somma da una rete a un'altra, nonostante l'indirizzo sia sempre il vostro, avrete bisogno di un servizio aggiuntivo. Questo tipo di algoritmo è stato definito “bridge” e vedremo in un successivo articolo come poterlo utilizzare. Vi sarà indispensabile per trasferire i fondi dalla Ethereum Mainnet a un second layer che utilizzerete. Il mio consiglio, per adesso, è di non spostare mai l'intero ammontare su un second layer, bensì di spostarvi la liquidità utilizzata per interazioni più frequenti in ambito Ethereum (ad esempio per app con cui interagite spesso o con piccole somme che volete allocare come donazioni). Questo mio consiglio è dettato dal fatto che un second layer è una rete di solito più piccola e a volte privata: se dovesse estinguersi, se dovesse subire hacking, se dovesse avere qualsiasi tipo di problema, subireste le conseguenze di quell'evento. Essendo molto nebulosa ancora oggi la legislazione, rischiereste di non recuperare mai più il valore esistente all'interno di quella rete.

universobinario_bannersmall.jpg

Con questo vi saluto e spero di potervi essere di aiuto con la seconda parte della spiegazione che penso non arriverà in un brevissimo lasso di tempo, sia per la mancanza di tempo, sia e sopratutto per la mancanza di fondi con cui poter mostrare nel dettaglio questo tipo di step. Tanto per far capire l'esosità delle transazioni, al momento della prima stesura di questo post, lo scambio di una stablecoin dal valore di circa 50 USD mi costerebbe un ammontare in ETH dal valore che oscilla tra 15 e 25 USD. Fino a pochi giorni prima, l'ammontare raggiungeva addirittura un range tra 60 e 75 USD (spesso intorno a 0.015 ETH).



E questo è tutto!

Ma come ogni fine, ha bisogno di alcuni appunti.

Questo post è stato effettuato a solo scopo informativo. Invito sempre e comunque chiunque voglia accedere al mondo delle criptovalute e della blockchain di documentarsi autonomamente e in maniera attenta, perché soggetto potenzialmente in ogni momento alla perdita irreversibile di parte o dell'intero capitale speso/investito.
Inoltre, è possibile fornire gli indirizzi del portafoglio...ma NON FORNIRE MAI le proprie credenziali (password o seed phrase) a soggetti terzi, pena la possibilità di perdere l'ammontare del proprio saldo, in quel momento o in futuro.

E a questo punto vi saluto, sperando di vedervi con qualche nuovo post nella community Universo Binario. Qualsiasi post che tratti in maniera specifica il mondo digitale, attraverso tutorial, esperienze, o articoli divulgativi, sarà ben accetto, a patto che rispetti i pilastri della community, regole che trovate nel POST DELLE LINEE GUIDA della community.

Alla prossima, Hive!


progettouniverso_binario_banner1920.jpg


Sort:  

Post ben fatto. I complimenti. Faccio un reblog e me lo rileggo con calma

Grazie, tutto molto indicativo, vedo che gli aggiornamenti fanno cambiare spesso le specifiche dei vari layer.